Tengo famiglia

Illustrazione di Nicole Lim (http://blog.rinianart.com/)

Tutto cominciò una mattina. Non voleva venire a far colazione e quando io le dissi “Noi andiamo, tu vieni”, rispose “nina no, mia mamma no, pia papà no, TUTTI NO!”.

Da allora ha iniziato a cantilenare, ogni volta che ci troviamo tutti nella stessa stanza: mamma, papà, nina, totto, amina, nonnaanna (in realtà mia madre si chiama Carla, ma per lei Anna è più semplice)… TUTTI.

Ovviamente non penso che la parola famiglia abbia per lei alcun significato, ma certamente ha afferrato il senso di un tutto che equivale, da dizionario, alla completezza di un insieme. A volte riesce a trasferire questo significato anche ad insiemi diversi da quelli della piccola comunità familiare nella quale è inserita. Così fa quando in Peppa Pig vede scene nell’asilo, con tutti i piccoli personaggi nell’inquadratura, o quando per strada o sui giornali vede gruppi di persone. Ed ha ben chiaro (mi pare) che quei tutti sono altri tutti: atra mamma, atro papà, atro bimbo.

Non ho idea di quando sia osservato, nella letteratura sullo sviluppo infantile, l’emergere dei concetti di gruppo o l’idea dell’insieme, ma certo mi fa piacere vedere che, in qualche modo, si riconosce un senso di appartenenza fin da piccolissimi. Almeno a parole.

PS: Sull’aggettivo possessivo, usato correttamente a 17 mesi, abbiamo fatto dei regressi alla soglia dei 19. Oggi io sono tua mamma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...