Mia figlia è (anche) una simpaticona

Be’, certo una figlia, un figlio ti chiedono tanto. Ma poi ci sono quei giorni in cui ti rimettono a nuovo, come se si curassero di te con tenerezza e attenzione. Nina oggi mi ha riempito di sorrisi, rapito nei suoi giochi e del resto non v’era più traccia.
La cosa più incredibile è che nonostante abbia appena 18 mesi abbiamo iniziato a scherzare insieme.
Le chiedo: “Come mi chiamo io?”
E lei, che sa bene chi sono, risponde “Mamma” oppure “Nina” e si aspetta una mia reazione. Allora io dico: “Noooooo” e le dò bacini e le faccio il solletico. La cosa si ripete finché le va di giocare. Quando è stanca dà la risposta giusta, “Papà”.
Oppure, come la mamma ha introdotto in un post recente, c’è la questione del “brutto”. Penso in un certo senso di averle fornito una prima concettualizzazione in merito cercando di ottenere la sua attenzione quando la mattina al risveglio piangeva e chiedeva esclusivamente della mamma: “Ma perché? Io sono brutto?”. La cosa all’inizio era ininfluente poi l’ha incuriosita – a volte smetteva di piangere per pensarci, alla fine sembra averla interpretata e non solo. Se le chiedo: “Come sono io?”. Lei mi risponde furbetta: “Butto!” e si aspetta il mio “Nooooo” che puntualmente arriva insieme a bacini e, ancora, solletico. Finché non dice “Buono”.
Scherziamo insieme, insomma. E lei è l’autrice dello scherzo. Non accade spessissimo, in questo è un po’ come la sua mamma. Ma quando si lascia andare al riso è di una bellezza straordinaria.
E’ curioso però che quando deve smettere lo scherzo sul “brutto” ha preferito dire “buono” invece di bello. Rientra un po’ nell’uso universale dell’indice sulla guancia per esprimere apprezzamento. So che quando dice “papà” o “buono” il gioco è finito e anche questo mi piace. Dei bambini mi ha sempre spaventato un po’ la tensione alle ripetizioni infinite, a vedere un film mille volte, a ripetere un’azione buffa mille volte.  Abbiamo notato che in questi 18 mesi ha avuto già diverse passioncine, ma mi piace che si stanca in un tempo ragionevole delle sue periodiche fisse. Certo mi auguro per lei che possa avere il desiderio di approfondire e innamorarsi di qualcosa sul serio, ma per quello c’è tanto tempo. E in fin dei conti la curiosità le permetterà di scegliere davvero.

Nota

Resiste la visione di Peppa Pig nelle imperiture repliche, ma ho come l’impressione che per lei sia un po’ come è vedere una partita di calcio per me: si riposa abbandonandosi a quel che accade perché non corre il rischio di non capire. E a volte è piacevole una pausa o solo il conforto di una tesi già dimostrata.

Annunci

One thought on “Mia figlia è (anche) una simpaticona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...